Al via la campagna raccolta firme per i 3 referendum sull'Acqua Pubblica PDF Stampa E-mail

Oltre 250.000 firme raccolte nei primi 8 giorni: grande avvio della campagna a sostegno dei 3 referendum a salvaguardia della gestione pubblica degli acquedotti italiani. Per 3 mesi, migliaia di organizzazioni della Società Civile aderenti al Forum nazionale dei Movimenti per l'Acqua raccoglieranno le 500.000 firme valide per richiedere l'istituzione referendaria. Il nostro Movimento è in prima fila anche in questa "battaglia", perchè acqua e terra sono elementi base del nostro futuro ...

Attraverso i 3 referendum, i cittadini italiani intendono:

1. abrogare l’art.23bis della Legge 133/08 (il Decreto Ronchi che nello scorso Novembre è stato trasformato in Legge e che obbliga il gestore pubblico a cedere almeno il 40 %  della proprietà degli acquedotti ai privati, ai quali andrà anche affidata la gestione diretta);

2. abrogare l’art. 150 del Decreto Ambientale 152/06 (che prevede la gestione degli acquedotti affidata alle SpA - Società per Azioni, società che devono dunque produrre reddito per i propri azionisti mentre per un bene comune essenziale come l’acqua sarebbe più utile che il fine di un gestore sia quello di assicurare qualità e quantità adeguate senza lucro. Ad esempio attraverso una gestione sotto forma di Consorzio fra Comuni, come ci insegna l’esperienza corrente dell’Acquedotto del Monferrato);

3. abrogare, all’art. 154 del Decreto Ambientale 152/06, le parole riferite all’inserimento in tariffa dell’adeguata remunerazione del capitale investito (frase che trasforma l’acqua in una autentica e pura merce e si traduce come una occasione esclusiva di guadagno per i soli azionisti-gestori dei “nostri” acquedotti …).  

Tutti i dettagli e le approfondite analisi sulle motivazioni di ciascuno dei tre quesiti referendari proposti, sono sul sito nazionale della campagna: http://www.acquabenecomune.org

Ci piace sintetizzare l'avvio di questa importante campagna con le parole di Marco Bersani (Attac Italia):

Finalmente si parte. 

E riprendiamo un’altra volta il mare.

Chiara la rotta, impegnativa la navigazione.

Ma siamo tante donne e tanti uomini.

Tutte/i diversi tutte/i assieme.

Vogliamo acqua democrazia e un altro mondo necessario.

Salpiamo con intelligenza e fiducia.

Presenti nel presente.

Allegri di futuro.

Abbiamo scaldato i cuori e le menti.

E’ tempo di  avviarci.

 

A tutte e tutti noi il più forte abbraccio. 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 05 maggio 2010 )
 
< Prec.   Pros. >

Appuntamenti

Il calendario degli appuntamenti lo puoi trovare qui