Salviamo le Apuane ! PDF Stampa E-mail
di Silvia Minozzi.
Il Movimento "Salviamo le Apuane" propone un documento programmatico per la salvaguardia delle montagne.
“Salviamo le Apuane” è un coordinamento di comitati e associazioni nato su Facebook nel luglio del 2009 per salvare le Apuane dalla distruzione conseguente alla attività estrattiva legata all'economia di cava, specialmente nelle forme assunte di giacimento di detriti di carbonato di calcio. Nel Giugno 2010 a Regnano frazione di Casola in Lunigiana ha organizzato un incontro di tutti i suoi sostenitori nel corso del quale è stata elaborata la Carta delle Apuane, il documento che raccoglie i principi e gli obbiettivi nel quale il movimento si riconosce.

Le Apuane – si legge nella Carta -  sono uno dei patrimoni più importanti del pianeta. Lo sono dal punto di vista naturalistico, ambientale, botanico, culturale, storico e antropologico.
Le Apuane, proprio in virtù di tale importanza rappresentata, sono colpite da un processo distruttivo, che è annoverabile fra i più grandi disastri ambientali, naturalistici, botanici, faunistici, storici del pianeta.
Particolarmente inquietante è l'aggressione nei confronti del bene apicale dell'intero ecosistema: l'acqua, l'oro blu del XXI secolo. Le Apuane, oggi e da tempo, non possono più sostenere l'economia di cava, specialmente nelle forme assunte di giacimento di detriti di carbonato di calcio: dunque si afferma che l'economia di cava attuale non è più sostenibile, secondo la filosofia corrente sulla sostenibilità.

Negli ultimi 6 mesi il movimento si è accresciuto notevolmente (oggi conta più di 4000 aderenti ed ha organizzato numerose iniziative tra mostre, proiezioni, incontri informativi, eventi online).
Anche la Rete dei comitati toscani guidati da Alberto Asor Rosa ha aderito alla Carta delle Apuane, il documento a difesa delle Alpi nostrane definite "uno dei patrimoni più importanti del Pianeta". È stato lo stesso Asor Rosa a volere aderire a questa importante iniziativa dopo aver ricevuto la Carta delle Apuane, consegnata per conto dei comitati "Salviamo le Apuane" da Fabio Baroni lo scorso 10 luglio a Firenze.

Uno degli obiettivi principali del Movimento è quello di raggiungere il  maggior numero possibile di persone per informarle su quanto sta avvenendo sulle Alpi Apuane, quali sono i rischi oggettivi alla sicurezza, all'ambiente e al territorio  In particolare:

1. Diffondere una corretta percezione del disastro: fino ad oggi molte persone non riescono a farsi un idea precisa di quello che sta avvenendo e soprattutto a quale entità del disastro siamo di fronte.

2. Rendere evidente che la maggior parte delle persone non tollera più certi scempi.

3. Far percepire quale sia la vera ricaduta economica e di beneficio o danno per il territorio, quali sono le condizioni del lavoro e il disagio che si sta creando a tutte le popolazioni locali.

Il 12 dicembre a Fosdinovo, al termine della conferenza “C'è un altro sviluppo economico per le Apuane”, è stato approvato un Documento Programmatico per proporre uno sviluppo economico alternativo per i Comuni che hanno da sempre tratto dalle escavazioni del marmo ricchezza e lavoro.
Con questo andremo da tutti coloro che vi troveranno un senso, da tutti coloro che vorranno investire per un futuro diverso per le nostre montagne e per le nostre popolazioni, andremo sicuramente dai rappresentanti politici, dalle persone e perché no anche dagli industriali del marmo che magari potrebbero scegliere una via diversa di fare business più compatibile e meno invasivo – dice Eros Tetti, portavoce del Movimento.

 

Insomma, per dirla in breve "non importa da dove vieni ma dove vuoi andare, siamo in un momento di vera urgenza per il nostro ambiente non è il momento di giudicarci ma di trovare soluzioni”.


Il Movimento Nazionale Stop al Consumo di Territorio aderisce alla carta delle Apuane e appoggia la campagna del coordinamento “Salviamo le Apuane “; il nodo della Spezia e della Val di Magra si impegna a sostenere e a partecipare alle iniziative che verranno organizzate per diffondere l’informazione sul rischio che corrono le nostre montagne e promuovere alternative sostenibili.

LA CARTA DELLE APUANE. Un nuovo futuro per il territorio.

Regnano, 27 Giugno 2010.

Le Apuane sono uno dei patrimoni più importanti del Pianeta. Lo sono dal punto di vista naturalistico, ambientale, botanico, culturale, storico ed antropologico. La stessa cavazione del marmo ne rappresenta un tratto unico.
Le Apuane, proprio in virtù di tale importanza rappresentata, sono colpite da un processo distruttivo, che è annoverabile fra i più grandi disastri ambientali, naturalistici, botanici, faunistici, storici del Pianeta. Particolarmente inquietante è l’aggressione nei confronti del bene apicale dell’intero ecosistema: l’acqua, l’oro blu del XXI secolo. L’attività estrattiva infrange i capillari che convogliano l’acqua delle precipitazioni verso le profondità della terra oltre a provocare inquinamento da fanghi ed olii esausti.


Le Apuane, oggi e da tempo, non possono più sostenere l'economia di cava, specialmente nelle forme assunte di giacimento di detriti di carbonato di calcio: dunque si afferma che l'economia di cava attuale non è più sostenibile, secondo la filosofia corrente sulla sostenibilità.
Le Apuane sono teatro di una distruzione che confligge con l'Art. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana, laddove recita: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. L'attività di cava nelle Apuane, nelle forme in cui si svolge oggi, essendo strutturalmente e per sua stessa natura, un atto distruttivo non temporaneo, è un'attività che viola la Costituzione. L'opposizione all'attività di cava attuale è, dunque, un atto di civiltà.
Le Apuane sono un contesto ambientale, storico, antropologico di straordinario interesse per una politica dello sviluppo del turismo responsabile ed intelligente, nelle molte forme permesse dalla morfologia e diversità del territorio, dell'agricoltura e dell'allevamento di filiera corta, dell'artigianato legato anche ad una limitatissima produzione di marmo. Crediamo che la proposta degli usi civici presenti su tutta l’area apuana, cioè di una “terza via” fra proprietà privata e proprietà pubblica possa costituire un volano attorno al quale raccogliere nuove energie sociali ed economiche per le aree montane, soprattutto per quanto riguarda le escavazioni.


Le Apuane sono state legate ad una attività industriale oggi in profonda e, vedute le dinamiche planetarie nel campo del lapideoirreversibile crisi e decadenza che produce forme di sfruttamento del territorio insostenibili e, parallelamente, diversamente dal passato, anche una riduzione progressiva dell’occupazione.
Le Apuane possono diventare il cuore di un modello economico diverso, più equo e più fertile, che rifacendosi alle ricchissime quantità di risorse naturali, antropiche, idrogeologiche e paesistiche di questa catena, unica nel Mediterraneo e in Europa, possa estendersi alle colline e alle città costiere, nonché ai parchi limitrofi (Cinque Terre, Appennino, Magra, San Rossore) fino a costituire un formidabile complesso sociale ed economico, oltre la crisi e la bolla finanziaria.
Le Apuane sono state private, dalla politica nazionale, regionale, locale, di una prospettiva di utilizzo economico diversa da quella della monocoltura del marmo. L'escavazione del detrito e del marmo, come oggi si pratica, ostacola gravemente ogni possibilità di sviluppo alternativo.


Le Apuane sono sottoposte ad un regime monocolturale che mortifica ed impedisce uno sviluppo economico potenzialmente notevole: si afferma dunque che la monocoltura della cava è incompatibile con lo sviluppo economico ed occupazionale del territorio.
Le Apuane sono, dunque, teatro dimostrativo della dannosità dell'economia monocolturale di cava non solo in campo ambientale ma anche nel campo economico, a causa della quale si produce una crisi occupazionale, in special modo nella Provincia di Massa Carrara, che resterà strutturale fintanto che il marmo sarà l'attività dominante.
Le Apuane sono, invece, salvabili, al fine di creare lo sviluppo del territorio: è inaccettabile dilapidare così un patrimonio utilizzabile altrimenti in maniera corretta e adeguata. Il processo progressivo di sostituzione dell’economia monoculturale del marmo con le forme alternative delineate, garantirà non una perdita ma una crescita delle possibilità di occupazione, a partire da quanti sono oggi occupati nelle cave, i quali ultimi godranno del passaggio da un lavoro usurante ad una tipologia di impiego qualitativamente migliore.


Affermiamo, perciò, sulla base di questo Manifesto, la nostra volontà irremovibile di fare del caso Apuane l'iniziativa di difesa ambientale e di nuovo sviluppo territoriale armonico più grande della Toscana e dell'Italia. Un'iniziativa che non può avere sosta né interruzione fino a che l'obiettivo del cambio di economia, con la fine della monocoltura della cava, non sarà un fatto avvenuto.

Per maggiori informazioni:
http://www.facebook.com/group.php?gid=92884413826
http://www.stopalconsumoditerritoriolaspezia.org/

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 29 dicembre 2010 )
 
< Prec.   Pros. >

Appuntamenti

Il calendario degli appuntamenti lo puoi trovare qui